Come funzionano le SIM card:

tipologie e caratteristiche

SIM card: che cos'è e quando è stata inventata

Se hai mai utilizzato un cellulare allora conoscerai benissimo anche la Sim card, quella che potremmo definire un po' come il cuore del telefonino. La Sim card è stata inventata nel 1991 ed appare come un piccolo talloncino di plastica dotato di chip dorato all’interno del quale sono conservate tutta una serie di informazioni come l’IMSI (International Mobile Subscriber Identity) e le chiavi di sicurezza come il codice PIN e PUK. Questi codici sono necessari per accedere ai servizi telefonici che hai sottoscritto. Chiaramente con il tempo le schede Sim dati si sono evolute moltissimo e oggi si presentano con dimensioni davvero contenute. Oggi avrai già avuto modo di conoscere le Sim card nuova generazione che chiameremo per comodità come micro Sim o nano Sim. Queste ultime Sim card sono quelle utilizzate comunemente per gli smartphone che tutti abbiamo e di cui nessuno può fare a meno. Possiamo quindi parlare di queste Sim card come di piccole carte che contengono un chip da inserire in un telefono GSM (Global System for Mobile). Tieni conto che senza una Sim card un telefono GSM non sarà in grado di collegarsi alla rete mobile. In sostanza quindi pensa alla tua scheda Sim dati come a uno strumento che contiene tutte le informazioni critiche e che ti sarà necessario per utilizzare il telefono mobile.

Hai bisogno di aiuto? Non ti lasciamo solo!

SIM card, cosa sapere

Prima di scegliere tra le offerte telefonia mobile quella migliore per le tue specifiche esigenze devi sapere che, parlando di telefonia mobile, non potrai fare a meno di una Sim card, ovvero una scheda che dovrai inserire fisicamente all’interno di un telefono cellulare GSM. Questa Sim card è dotata di un codice identificativo univoco detto IMSI che consente all’operatore di identificare il cliente e il numero di telefono associato. Sappi anche che le Sim card si differenziano tra loro per la dimensione della scheda, ne esistono quindi diversi tipi: Sim card, micro Sim e nano Sim. Negli ultimi tempi poi il progresso continuo della tecnologia ha portato anche alla diffusione della cosiddetta Sim immateriale, ovvero una e-Sim nella quale il codice IMSI identificativo è memorizzato direttamente nel device. Tieni anche conto che la scheda Sim non contiene unicamente le informazioni che identificano la tua utenza ma ha anche uno spazio di memoria vero e proprio all’interno del quale potrai immagazzinare contatti e messaggi Sms. In quest’ottica devi anche sapere che gli operatori telefonici offrono sia una Sim ricaricabile sia una Sim card in abbonamento. Nel primo caso dovrai pagare in anticipo il tuo credito telefonico, nel secondo caso invece la tariffa a consumo ti verrà addebitata in bolletta successivamente. Prima di vedere nel dettaglio come attivare Sim card o come valutare le offerte Sim nel dettaglio sappi comunque che le Sim card sono protette tramite il codice PIN, un codice di quattro cifre che ti viene fornito dall’operatore e che potrai utilizzare per bloccare l’accesso ai dati della tua Sim card. Vedremo anche cosa si intende per codice PUK, un codice che serve a proteggere il telefonino qualora si fosse sbagliato per tre volte consecutive a inserire il codice PIN.

Sim dati: cos’è e a cosa serve

Oggigiorno anche tu saprai benissimo quanto sia importante avere a propria disposizione una Sim dati per internet. Con questa Sim dati potrai utilizzare tablet o dispositivi mobili in qualsiasi momento e potrai quindi navigare da qualsiasi luogo senza problemi. Dovresti valutare di attivare una scheda Sim dati per navigare sul web con tutti i dispositivi che sono dotati di uno slot per l’alloggiamento della Sim card. Ma a cosa potrebbe servirti esattamente una Sim dati? Una Sim dati per internet ti permette di collegarti a internet dal tuo dispositivo mobile anche quando ti trovi lontano da casa. Questo perché la Sim dati da te attivata contiene un numero variabile di gigabyte in base all’offerta da te sottoscritta. Anche in questo caso dovrai scegliere se optare per una Sim card solo dati ricaricabile o in abbonamento. Tra i dispositivi che potrai collegare a internet usando una Sim card sati possiamo nominare cellulari, modem wi-fi e anche internet key e tablet. Negli ultimi tempi diversi operatori telefonici hanno deciso di proporre delle schede Sim dati che possono funzionare come degli autentici router portatili. In questo modo potrai anche fare a meno dell’Adsl di casa senza per questo rinunciare alla connessione internet. Ma che differenza c’è tra Sim dati e Sim voce? Per rispondere a questa domanda devi sapere che la Sim dati per navigare ti permette solo ed esclusivamente di collegarti a internet e di mandare Sms. Con la Sim voce invece potrai sia navigare sul web che effettuare e ricevere telefonate. Sappi che esistono anche delle schede Sim solo voce pensate per chi non vuole utilizzare internet ma in compenso vogliono continuare a chiamare e mandare Sms. La Sim voce è quindi la classica scheda che solitamente utilizzi sul tuo cellulare mentre la Sim solo dati è una scheda pensata per chi intende solo ed esclusivamente navigare su internet. Se hai ben capito la differenza tra le diverse tipologie di Sim card ora potrai scegliere quella giusta per te in completa autonomia.

La scelta della Sim card giusta dipende soprattutto da cosa intendi fare. Se vuoi unicamente navigare su internet in qualsiasi momento e in qualunque luogo dovrai scegliere una scheda Sim dati. Viceversa una scheda Sim solo voce è indicata solo per chi vuole chiamare senza navigare su internet.

Sim card: a che cosa serve?

Dopo aver visto la differenza tra Sim dati e Sim voce, vediamo ora nel dettaglio a cosa serve una Sim card. Ma quali sono le informazioni contenute all’interno della Sim card? Possiamo citare l’IMSI (International Mobile Subscriber Identity) e la chiave di autenticazione che convalida l’IMSI. In sostanza la Sim card che acquisti per i tuoi abbonamenti è un semplice microchip conforme agli standard ISO-7816, uno standard internazionale relativo alle carte elettroniche. Sappi che la Sim card al suo interno ha anche un meccanismo di anti-criptaggio che serve a proteggere una serie di informazioni all’interno della scheda. Ogni Sim card comunque ha delle caratteristiche tecniche ben precise come ad esempio:

  • La protezione raggi ultra violetti
    -La protezione piccole dosi di raggi X
    -Il profilo dei contatti (0,1 mm di livello)
    -I contatti devono resistere a colpi e abrasioni e alla pressione di una sfera di 1,5 mm di diametro che esercita sul pad ISO una forza di 1,5 Newtons.
    -La Sim card deve anche avere una resistenza a campi elettromagnetici fino a 79500 A.tr/m.
    Una delle chiavi del successo della Sim card usata con l’internet mobile è la sua piccola dimensione che apre a moltissime opportunità, si pensi ad esempio ai cellulari e agli smartphone Dual Sim. Non solo, negli ultimi anni i progressi tecnologici sono riusciti a ridurre sempre di più dimensioni della Sim card, si pensi solo alle micro Sim o alle nano Sim, aumentando nel contempo anche la quantità di dati immagazzinabili all’interno. Tieni anche presente che ogni scheda Sim sul retro ha un numero seriale dai 19 ai 21 caratteri alfa numerici. Il codice IMSI si trova all’interno della Sim cellulare e si tratta di un codice seriale che identifica in modo univoco il gestore telefonico. Quando accenderai per la prima volta il tuo cellulare la rete telefonica registrerà l’IMSI associato al numero IMEI. Come ti abbiamo già accennato la Sim card è protetta dai codici PIN e PUK. Il codice PIN, Personal Identity Number, è un codice tra 4 e 8 cifre che serve a bloccare la scheda SIM quando spegni il telefono. Viceversa il codice PUK, Personal Unblocking Key, è un codice che serve dopo che si sbaglia per tre volte a inserire il PIN. In questo caso fai molta attenzione perché se sbagli a inserire per 10 volte il codice PUK non potrai più utilizzare la Sim. Infine bisogna anche citare il codice ICC-ID, Integrated Circuit Card ID, un codice associato alla Sim che serve qualora tu dovessi richiedere la portabilità per il passaggio a un altro operatore.

La Sim card contiene tutta una serie di dati e informazioni come l’IMSI (International Mobile Subscriber Identity). Sappi che la Sim card è protetta dal codice PIN e dal codice PUK. Negli ultimi anni poi c’è stato anche il passaggio da Sim a microsim.

Come si fa l’attivazione Sim?

Se ora ti è chiaro cos’è una scheda Sim e a cosa serve, vediamo ora passo dopo passo cosa dovrai fare per quanto riguarda l’attivazione Sim. Innanzitutto sappi che per chiamare e connetterti a internet con un telefono cellulare dovrai per forza di cose avere una Sim card. La cosa migliore quando si intende attivare una scheda Sim è andare fisicamente presso uno dei centri dell’operatore da te scelto e richiedere a un addetto l’attivazione della nuova scheda. Dopo aver individuato il negozio più vicino dovrai portare con te anche un documento d’identità valido, il codice fiscale e la tua Sim attuale. Dovrai quindi scegliere quale offerta attivare sulla tua scheda Sim e compilare una serie di moduli. Con Vodafone, ad esempio, l’operazione costa circa 10 euro di cui 5 per l’attivazione e 5 per il credito incluso nella Sim card. Anche le tempistiche dell’attivazione Sim card sono abbastanza rapide, si va da poche ore fino a un massimo di 5 ore. Quando decidi di attivare una scheda Sim potrai anche decidere di eseguire un passaggio da un altro gestore mediante portabilità incondizionata o condizionata. La portabilità incondizionata si ha quando decidi di attivare un numero temporaneo da usare mentre attendi che il numero del tuo vecchio operatore passi sotto la rete del nuovo. Al contrario, la portabilità condizionata si ha quando il passaggio al nuovo operatore avviene solo quando il vecchio numero passa nella rete del nuovo gestore.

L’attivazione Sim si può realizzare senza problemi presso uno dei centri dell’operatore da te scelto. Dovrai portare con te i tuoi documenti validi e la tua Sim attuale e poi scegliere se fare la portabilità condizionata o incondizionata.

Come fare la disattivazione Sim

Se vuoi disattivare Sim ma non sai come fare devi per prima cosa tener presente che disattivare completamente la tua Sim comporterà anche la perdita del numero associato. L’unico modo che avrai per conservare il tuo numero con la disattivazione Sim è quello di passare a un altro operatore. Sappi comunque che nella maggior parte dei casi la disattivazione Sim card per passaggio ad altro operatore non prevede dei costi aggiuntivi. In alcuni casi però il vecchio gestore potrebbe addebitarti un importo, ad esempio qualora tu decidessi di cambiare operatore prima della scadenza del vincolo contrattuale dell’offerta in essere. Se decidi di disattivare Sim card dovrai quindi prima leggere con molta attenzione le condizioni contrattuali legate alla Sim così da evitare brutte sorprese. Oltre a recarti fisicamente presso il centro del tuo nuovo operatore potrai anche visitare il sito internet del gestore che ti interessa e seguire la procedura per la portabilità.

Sappi che se deciderai di disattivare la tua scheda Sim perderai anche il numero associato. Se vuoi mantenere il tuo numero dovrai richiedere la portabilità del numero e cambiare operatore.

SIM card, conclusioni finali

Insomma, la Sim card è quello che serve per poter usare il cellulare e quindi navigare e chiamare secondo il contratto da te stipulato. Esiste comunque anche una scadenza Sim, ovvero una data dopo la quale la tua Sim diventerà inutilizzabile in quanto disattivata. Ogni scheda Sim ha la sua data di scadenza di cui dovrai tenere conto. Ogni gestore comunque ti invia di solito un sms con cui ti avvisa dell’imminente scadenza della Sim card. In alcuni casi dovrai anche capire ogni quanto tempo dovrai ricaricare o utilizzare la Sim card da te attivata per evitare un possibile blocco. Senza Sim card non ti sarà possibile navigare su interne o effettuare chiamate o mandare sms. Quando attivi una Sim card ricordati sempre di conservare con molta cura il codice PIN e il codice PUK, altrimenti rischierai che la Sim card venga bloccata. Se vuoi potrai attivare una Sim card con uno degli operatori attivi in qualsiasi momento e potrai anche conservare il tuo vecchio numero.
Insomma, la Sim card è quello che serve per poter usare il cellulare e quindi navigare e chiamare secondo il contratto da te stipulato. Esiste comunque anche una scadenza Sim, ovvero una data dopo la quale la tua Sim diventerà inutilizzabile in quanto disattivata. Ogni scheda Sim ha la sua data di scadenza di cui dovrai tenere conto. Ogni gestore comunque ti invia di solito un sms con cui ti avvisa dell’imminente scadenza della Sim card. In alcuni casi dovrai anche capire ogni quanto tempo dovrai ricaricare o utilizzare la Sim card da te attivata per evitare un possibile blocco. Senza Sim card non ti sarà possibile navigare su interne o effettuare chiamate o mandare sms. Quando attivi una Sim card ricordati sempre di conservare con molta cura il codice PIN e il codice PUK, altrimenti rischierai che la Sim card venga bloccata. Se vuoi potrai attivare una Sim card con uno degli operatori attivi in qualsiasi momento e potrai anche conservare il tuo vecchio numero.

    1
    Inserisci le tue esigenze Seleziona i tuoi consumi e inserisci i tuoi dati di contatto.
    2
    Confronta le tariffe Visualizza le offerte migliori e scegli quella su misura per te.
    3
    Attiva la tua offerta Autorizza un nostro consulente a chiamarti: ti aiuterà ad attivare l’offerta scelta o a trovare quella che fa per te.
    Confronta le migliori tariffe Luce
    Confronta le migliori tariffe Gas
    Confronta le migliori tariffe Adsl e Fibra
    Confronta le migliori tariffe Telefonia mobile