Enel Città di Castello: gli store più vicini alla tua casa

Presso il punto Enel Città di Castello più vicino potrai fare l'iter di subentro e fare le tue domande sul servizio. Guarda qui info extra e costi!

Il gestore di luce e gas Enel è in possesso di più di 1000 aree di assistenza, e ha la possibilità di dare aiuto a ogni singolo consumatore in toto.

punto Enel a Città di Castello o nei dintorni

Per attivare un contratto, fare subentri e volture, così come inviare un reclamo il punto Enel più vicino a Città di Castello saprà cosa fare per te: in questo luogo avrai modo di confrontarti con un consulente capace, in grado di eliminare le cose che non vanno contrattuali.

Attraverso questa possibilità potrai fare a meno di attese infinite, situazione che si verifica al 100% se farai affidamento a servizi di assistenza clienti telefonica ma anche quando mandi messaggi tramite indirizzi mail.

Ecco cosa ti consigliamo, tu e gli altri utenti avete a disposizione più punti Enel Città di Castello: appena hai tempo, scopri il più vicino a te e contattalo!

Come disdire contratto Enel a Città di Castello

Nell'eventualità in cui tu stia pensando di disdire un contratto di Enel, non dimenticare che nella località di Città di Castello sono disponibili molte opportunità. Per iniziare, è indispensabile non scordarsi che nessuno tranne la persona a cui è intestato il contratto può revocare la fornitura.

Individuato il più vicino, potrai decidere di passare in un punto Enel a Città di Castello e richiedere in un attimo il modello utile per la disdetta. Come appena detto, Enel è diffuso capillarmente con più di 1000 punti convenzionati un po' ovunque.

Puoi anche in alternativa prendere il telefono e richiedere i moduli ai due numeri per l'assistenza: nel momento in cui tu fossi sotto un mercato a maggior tutela, il numero a cui telefonare sarebbe l'800900800; nel caso invece ti trovassi nel regime di mercato libero dell'energia, il numero verde da contattare sarebbe 800900860.

Nel caso fossi all'estero potresti semplicemente contattare il qui presente numero: +39 066.451.1012. Tieni a mente che è possibile volendo spedire un fax all'apposito numero 800.046.311.

Per concludere correttamente un procedimento di disdetta sul sito ufficiale Enel, vedrai nella tua area dedicata MyEnel, in cui entrerai dopo aver effettuato l'accesso, ogni dettaglio e istruzione per terminare la fornitura senza rischiare di sbagliare.

Come attivare un nuovo contratto Enel a Città di Castello

Se hai bisogno di sottoscrivere un contratto di fornitura con Enel Energia, non dovrai far altro che recarti in un punto Enel Città di Castello e compilare tutto quello che serve. Se vuoi conoscere il punto più comodo, consulta il sito web di Enel Energia.

E per fare l'attivazione di un contratto del gas Enel Energia? Semplicissimo: devi avere il codice fiscale, senza dimenticare la carta d'identità di colui che vuole intestarsi il contratto e anche un codice, il PDR (Punto di Riconsegna), univoco per ogni utente. Per l'energia elettrica, al posto di quest'ultimo, è necessario avere con sé il codice POD o l'Eneltel.

E per fare l'attivazione di un contratto di fornitura dell'energia online? Niente di più facile, chiedi di avere in breve tempo una copia: sarà spedita al tuo indirizzo di residenza per essere firmata e restituita.

Un ultimo avviso: dovrai presentare la modulistica che certifichi la regolare fruizione o proprietà della dimora di tuo interesse, nel tuo caso particolare nell'amministrazione di Città di Castello o nel territorio circostante.

La voltura del contratto Enel

Nel caso in cui tu stia progettando di modificare il titolare di un contratto di fornitura intestato all'ex inquilino o proprietario dell'appartamento, si renderà obbligatorio fare domanda di una semplice voltura. Successivamente, sarà modificato l'intestatario della bolletta e le forniture continueranno a funzionare.

Per la richiesta d'attivazione di una voltura gas ed energia elettrica nei punti Enel o anche tramite web, sarà importantissimo presentare un tot di dati: l'indirizzo del domicilio, il codice POD (presente in ogni bolletta passata) d'aiuto per identificare il contratto attuale, i dati aggiornati dell'intestatario attuale e la lettura del contatore.

Ma, nel concreto, quanto si dovrà spendere per la voltura dell'utenza di energia elettrica&gas? Nel caso specifico, bisogna tener presenti due importi sempre uguali e un altro che muta, in base alla regolamentazione del mercato di fornitura. Le spese che non cambiano sono: 26,13€ di oneri amministrativi e il deposito cauzionale + l'imposta sul valore aggiunto. Per il regime di mercato libero dell'energia e del gas chi gestisce gas ed energia elettrica dispone la quota per oneri commerciali; il mercato tutelato, invece, ha una quota invariabile intorno ai 23€ più 16€ per il bollo.

Subentro contratto Enel

Per poter far riprendere le utenze spente dentro all’alloggio sarà obbligatorio dare il via a un procedimento di subentro dell'utenza. In pochi minuti, sia il contatore della luce che quello del gas verranno riattivati rapidamente.

Per la richiesta d'attivazione di un subentro energia elettrica e gas in un punto Enel Città di Castello oppure via web, sappi che le informazioni da avere dietro sono identiche a quanto viene domandato per una qualsiasi voltura: l'indirizzo corretto della casa, il POD, i dati aggiornati del titolare del contratto e la lettura del contatore.

I costi della procedura di subentro sono identici a quelli richiesti per una procedura di voltura qualsiasi e sono stabiliti in via esclusiva dal mercato di riferimento per cui si opta: in questi casi dovrai pagare 26,13€ di oneri amministrativi insieme al deposito cauzionale + IVA; per il regime a maggior tutela sono da contare anche un altro contributo di 23€ e 16€ di bollo, mentre per il regime di mercato libero dell'energia la tassa aggiuntiva per oneri commerciali è deliberata unicamente dal fornitore selezionato. Considerando le tempistiche tecniche obbligatorie, è tassativo eseguire la procedura guidata di subentro con 1-2 mesi di anticipo rispetto alla data di cambiamento di residenza o domicilio.

Per un impianto con un buon rapporto q/p, il costo da pagare è stimato all'incirca dai 270€ circa ma senza oltrepassare i 1520€. Ancora prima di siglare il contratto sarà indispensabile sapere tutti i dettagli differenti tra il mercato libero e del regime di mercato a maggior tutela.

Costi mercato libero

La convinzione di "costruire" un regime di "costruire" mercato libero dell'energia e del gas è l'esito finale di un procedimento di liberalizzazione intrapreso nello specifico il 16 marzo 1999. Questo iter, alla cui base c'è il decreto realizzato da Bersani, ai tempi Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato, è stato perfezionato nel 2017 ad agosto con l'approvazione della Legge sulla Concorrenza n. 124/2017, detta DDL Concorrenza, in Senato.

I prezzi previsti dal mercato libero sono scelti per intero dalle diverse realtà che gestiscono le forniture di gas e luce, che possono competere in maniera libera. Ciò equivale a dire che i contratti di fornitura disponibili sul mercato della corrente per uso domestico copriranno diverse fasce di prezzo, concedendo al cliente più possibilità.

I costi totali per la fornitura di gas ed energia per uso domestico dovrebbero essere, per forza di cose, più convenienti di quelli del regime di mercato tutelato, vista la libertà consentita ai diversi fornitori.

Costi Mercato Tutelato

Il regime del mercato di maggior tutela, se si pone a confronto con il regime di mercato libero, si distingue per i costi più alti a causa di un motivo specifico: il valore della materia prima, l'energia, si stabilisce di 3 mesi in 3 mesi a seconda di quanto stabilito dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambienti, meglio conosciuta con l'abbreviativo ARERA; i moltissimi fornitori di luce e gas affiliati anche al mercato tutelato non possono infrangere tale normativa.

Una gestione simile, dentro alla quale la cifra per l'energia è indipendente dai meccanismi del mercato permette il più delle volte, per le cifre previste per un regolare contratto, un risparmio considerevole nel tempo.

Il regime del mercato tutelato verrà abolito tra non molto tempo: la data prevista è fissata al primo giorno di gennaio 2021 per le PMI e l'1/1/22 per luce e gas per uso domestico.

Contatti Nazionali Enel

In che modo interfacciarsi con Enel Energia se mai ci fossero problemi? Le opzioni, per fortuna, sono molteplici: leggi di seguito tutte quelle a disposizione. Se preferisci richiedere assistenza fisica, è meglio andare in uno dei tanti centri Enel Città di Castello; i contatti telefonici di Enel Energia, invece, potrai trovarli qui di seguito:

I numeri Enel a cui inviare fax li trovi qui sotto:

I contatti social Enel disponibili al momento li trovi di seguito:

Cambiando discorso, ricorda che hai l'opportunità di ricorrere a tutte le numerose opzioni sul sito ufficiale Enel per info generali, assistenza clienti e risoluzione problemi. Nella sezione privata MyEnel, quando avrai effettuato l'accesso, ti viene data l'occasione di contattare dei funzionari qualificati, in caso di inconvenienti, per esaminare dati importanti tipo le bollette pagate e non, lo stato di utenza e la scheda personale.

Il modulo per fare reclami, che trovi sempre nell'area riservata MyEnel, si utilizza qualora dovessi riscontrare interruzioni riguardanti la rete che alimenta la fornitura. Alla fine, il sito internet di Enel mette a disposizione un servizio di chat istantanea, per rivolgersi a degli addetti qualificati non necessariamente di persona. Questo servizio è disponibile per tutti, clienti e non.

Per avere un'ulteriore forma di supporto da parte di Enel potrai serenamente chiedere informazioni a Elena, il bot social della compagnia: passando da Facebook Messenger, WhatsApp o Telegram sarà possibile chiedere modalità di pagamento delle bollette, autolettura dei numeri del contatore e anche controlli sulle forniture.

Nel caso necessitassi di inviare uno o più documenti, ricorda che c'è un'interessante occasione: quella di recarsi nei punti Enel a Città di Castello; se no, c'è una casella di posta ufficiale a cui spedire i documenti: Casella Postale 8080 - 85100 Potenza.

Top